Priorità

100_1879

Vorrei avere un momento per fermare questo vorticoso elenco di tag che mi frullano per il cervello, ne elimino uno e subito una schiera di nuove cose si affrettano a prenderne il posto. E’ così da anni.A volte mi chiedo se sono inadeguata io, se tutti hanno questo incessante scadenziario di vita.
Un momento solo per riflettere. Come accade nei film, dove appare che tutti hanno ben chiaro cosa fare e benchè tutto si risolva in due ore niente viene lasciato indietro. Ho bisogno di uno sceneggiatore forse , qualcuno che mi spiega come mai nei film nessuno si soffia mai il naso o sul piu bello dell’azione scappa in bagno per un attacco di colite improvviso, magari entrando in bagno si accorge che mancano gli asciugamani. Ecco vedete, è successo di nuovo, oggi è il giorno in cui cambio gli asciugamani, non ho ancora trovato il tempo di piegare quelli della settimana passata e già quelli di questa sono da lavare. Minuzie. Eh no, se lo aggiungete al fatto che sono mesi che rimando la tinteggiatura del bagno perché, questo mese fa troppo freddo per stare con le finestre aperte e poi farà troppo caldo e poi l’imbianchino già che c’è dovrebbe tinteggiare anche la camera ma se non decidiamo se cambiare disposizione agli armadi non si puo fare anche perché magari nel frattempo dovremmo decidere se prendere due letti singoli, ma poi dobbiamo ricomprare tutta la biancheria e dobbiamo come minimo fare a meno della cassettiera stile marinaro, però no a quella ci tengo e quindi proviamo a vedere se spostando l’armadio di fronte e togliendo l’altro che è pieno di cose che non mettiamo mai , vabbene allora domenica ci guardo se mi stanno ancora quei pantaloni ma poi dove la mettiamo la biancheria, beh intanto decidiamo se compriamo due letti singoli, però dai almeno a una piazza e mezzo, però mica vorrai spostare tutto senza rimbiancare e intanto s’è fatto ottobre e ora è troppo freddo per stare con le finestre aperte. Ci pensiamo.
Sabato ci pensiamo, no beh sabato ho quell’impegno col Comune, lo sai, allora si fa nel pomeriggio, beh no perchè tu hai la priorità di andare in campagna a vedere se le rose stanno a posto e allora faremo domenica, non pranziamo e ci fermiamo da McDonald, beh veramente io sarei a dieta, ma proprio questa domenica devi essere a dieta? Per una volta, magari risparmi calorie sulla cena , ma domenica vado a cena da mamma , lo sai e poi dopo un paio d’ore di sole sull’autostrada non ce la faccio a tornare a casa e mettermi a scegliere i pantaloni, magari lo puoi fare tu con la tua roba, beh non adesso? Adesso c’è CSI beh quando finisce, però poi dopo c’è da fare cena e allora faremo prossima settimana.
Intanto perché non risolviamo qualche bega di lavoro, tipo decidiamo di cambiare gestore telefonico, pare così semplice, guarda la 3 fa delle buone tariffe mi pare o beh ma vai a leggere tutto i minuti prospettati al mese son poi conteggiate a settimane e quindi pensaci perché se ti capita di fare una telefonata lunga di lavoro poi ti scatta la tariffa piena e sono dolori , e allora che dici questa TCG ce la vogliamo togliere? Passiamo a Wind, che però non mi convince ma insomma dai prendiamo la chiavetta Alice, ma poi non la scarico dall’Iva e allora cambiamo il modem con un router ma poi il filo del’ethernet dove lo agganciamo, però sei fantastica tutti col wireless e tu? Io lo sai ti ho spiegato che la porta usb è 1 e adesso va la 2, vabbeh ma al limite vai piu lenta, si però poi ti lamenti quando ci vuole un’ora per scaricare e poi lo sai che il g3 non ha porte usb, dovrei ricomprare da anni i computer lo sai, beh però adesso non possiamo permetterceli quindi risolvi questa storia dei telefoni entro oggi che sono stufo, si beh tu sei stufo ma mi hai dato altre tre priorità per ieri e siamo riusciti a farne solo mezza, insomma non è colpa mia se arriva una rogna al giorno, tu però devi risolvere il problema del tuo stramaledettismo bisogno di conneterti all’adsl , per fartene cosa poi non si sa, a malapena sai come si apre la posta, beh ma per quello ci sono io, ovvio, diventerà una priorità da aggiungere alle altre priorità che diventano calli sul nostro giornaliero rincorrere le soluzioni.


Ho bisogno di fermarmi. Ho bisogno di riflettere. Ho bisogno di stendermi su un prato guardando le infinite pose di congiunzione dei miei piedi, ascoltando Beethoven e chiedendomi cosa fare nel pomeriggio, di domani, perché oggi sono impegnata a vivere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...