Un sabato normale

Mia

Prendi un giorno come tanti, per caso è un sabato, ma sei stata svegliata alle 4 da un bisticcio fra gatte proprio sotto il tuo letto, le hai divise, buttata fuori l’intrusa, consolato la povera vittima, ti sei quindi accoccolata sola nel lettone, sperando che il sonno tornasse, ma a quel punto è stato difficile perché ti sei ricordata che oggi dovevi fare un sacco di cose, lavoro, pulizia della casa, rinvaso di una pianta, compiere quel settimanale miracolo che fa passare dal cesto dei panni sporchi all’armadio i vestiti e le camicie di tuo marito. Poi è arrivato il camioncino dei giornali dell’edicola fronte casa e ti sei sorbita la discussione indistinta dei lavoratori.Poi è passato il camion della differenziata a ritirare la plastica e tu ti sei ricordata di non aver messo fuori il saccone che giace puzzolente nel ripostiglio. Hai rinunciato a dormire, ti sei alzata, fatto la doccia, fatto colazione, uscita a fare due passi nel fresco e a quel punto hai comprato il giornale. Prendi il Corsera di un giorno come tanti di questo paese schizoide di questo mondo schizoide e, come dice Vasco, ti rendi conto di quanto lo maledirai. La prima è già un riassunto delle nostre miserie. Tralasciando le ipocrisie e la faccia tosta del Premier che inveisce contro l’informazione che esso stesso ha creato. Tutto fa brodo per dirci tutto e il suo contrario. Ovviamente in prima fila la famosa influenza che viene sventolata come la nuova AIDS da una parte mentre dall’altra ci si affanna a minimizzare , non più tardi di ieri si davano i dati per cui quest N1H1 è MENO letale di una qualunque influenza che ci tocca ogni anno e allora ti dici che è solo un diversivo dai problemi reali tutta questa ansia di virus.Però, come mai, adesso vietiamo i baci, gli scambi di effusioni, gli abbracci? Che dobbiamo fare? Rintaniamoci tutti in casa e accendiamo la tv. Oppure mangiamo. Si avete capito bene, mangiamo tutte le schifezze che ci vengono in mente, tanto due pagine piu in là veniamo informati che si sta per approvare una pillola che blocca un gene responsabile dell’ingrassamento e bloccato quello ci potremo strafogare di hamburger, fritti, dolci e bibite zuccherine tanto non ingrasseremo. Io lo trovo sconcertante se non altro messo a paio con l’altra notizia che ci informa che se non la smettiamo di consumare così tanto fra cinquant’anni il pianeta non basterà più a produrre tutta la carne di cui necessiteremo e le coltivazioni di mangimi per animali soppianteranno la foresta tropicale e la cacca delle mucche provocherà un buco nell’ozono grande abbastanza da permettere al sole di inceneririci tutti. Scoppieremo come tante salsicce sulla griglia, trasuderemo grasso sulla graticola.
Tutti tranne la Moratti che è a dieta e quindi non andrà alla festa del PD. Dice che andrà alla festa della Lega e all’apertura della campagna di Formigoni. Non ha tutti i torti, l’avevano invitata solo ad una cena, invece che a parlare di Expò, pensando di farle un favore visto che magari qualcuno le avrebbe chiesto come mai a vigilare sui lavori ci sarà anche quel girino del bossi jr: Ma lei se l’è presa, spende una cifra di parrucchiere e si veste come un’ anticaglia di Brescia e non volete nemmeno darle l’onore del palco del PD che di anticaglie è pieno? si è sentita discriminata e quindi preferisce stare a casa o mangiare con i leghisti , sana biada dirittamente dalle stalle lumbard! Prosit ! ma attenta a non cagare troppo, che i miasmi inquinano.E poi non c’è Ecopass che tenga.
Però a pensarci bene i leghisti non hanno tutti i torti. Guardate al piu grande stato federale del mondo, gli USA: sei stati hanno deciso di oscurare i canali TV in occasione di un discorso di Obama preparato dal suo staff per l’apertura delle scuole. Sarebbe stato un “fervorino da buon padre di famiglia”, beh gli stati a conduzione repubblicana hanno detto NoNo. Il web si è ribellato a quello che si ritiene un culto della personalità e quindi oscuriamo la Tv. Ma ve lo immaginate se si potesse fare una cosa del genere in Italia? Al posto dell’esternazione del Disonorevole Premier un cartoon di Wil Coyote. Io voto sì!
Inizio fra l’altro a provare pietà per il pover’uomo in question. Ora senza arrivare alla diagnosi di lue all’ultimo stadio di Pronta, penso che sia pesante per tutti essere spiattellati su un giornale con le proprie miserie e i propri umani limiti, come ogni uomo ha. In fondo ha solo cercato un po di divertimento ed è caduto in un giro di troie di quelli ben rodati. La vera colpa è di non aver selezionato quelle con stile, ma da uno che ha iniziato vendendo pentole e omaggiando piccoli elettrodomestici, non si poteva certo sperare in una soluzione meno ammerdante. Il Cavaliere non ha imparato dall’Avvocato. Un’amante fissa. Una a cui dare Carte Blanche , come si diceva una volta. Una protetta, da sistemare in posizione strategica ma defilata, qualcuna che non facesse storie e non iniziasse a chiedere di cambiare tipo di camera , da quella da letto a quella dei deputati. Qualcuna che capisse che quando cala il culo, e il culo cala a tutte, è meglio avere una rendita e tre appartamentini in Corso Italia che qualche copertina di Novella3mila.
Basso profilo. Invece queste gliela sbattono sotto il naso, la loro sfrontatezza, quella gli balla a cento metri da Villa Certosa, in miniabiti a prova di cellulite ma con mamma a seguito (si sa le mamme danno sempre buoni consigli quando non possono più dare cattivi esempi) e l’altra se ne va a Venezia a firmare autografi e a fare foto coi bimbi (da denuncia a Telefono azzurro) completa di stilista e truccatrice. Capiamolo. E’ vecchio, un po’ rimbambito e sbeffeggiato. Vittima di se stesso e delle sue miserie. Però c’ha un’erezione degna di Varenne. E se è nature o ogm …e che palle, non stiamo a guardà er capello!
Intanto per non rimanere fuori dal giro a Firenze hanno pensato bene di inaugurare un nuovo evento
“Settembre in piazza della Passera” che la dice lunga sullo spirito ironico di noi fiorentini che in quanto a passere non siamo secondi a nessuno.
Metti quindi un sabato normale, in questo paese anormale. La gatta Mia si è stesa sul Corriere.
Gli animali a volte sono piu intelligenti degli umani.

Vado a fare i miracoli, certa che la locuzione “Beata te” nel mio caso significa “Santa in vita”

ps D’Alema , si c’è anche un’intervista di D’Alema, ma io volevo fare un pezzo ironico per questo sabato normale. Le cose serie non hanno certo bisogno del mio blog. Leggetelo da soli.

Annunci

2 thoughts on “Un sabato normale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...