Odi et amo


Chissà se il principio fu I love NY il più recente è senz’altro VIODIO.
Fra amore e odio passa la comunicazione istantanea, di chi agguanta il format visivo giusto, e sfrutta l’occasione della notorietà.
I love NY fu creato la Milton Glaser negli anni 70. La semplicità del logo e la sua modernità sono rimasti inalterati nel tempo, copiati e strapazzati.
Del resto erano solo un passo avanti a quello che milioni di persone avevano inciso sugli alberi per centinaia di anni.
Ecco forse è questo che più riconosce questi format di successo, la semplicità e l’invidia che scatenano: grrrrrrrr perché non c’ho pensato io?
Accade anche che gli ideatori di marchio o format di successo, perdano la testa davanti alla improvvisa fortuna e notorietà.

E’ capitato così a Matteo Cambi, ideatore del logo Guru, la semplice margherita che per estati ha campeggiato su magliette e canottiere tese sulle tette di migliaia di ragazzine. Creato nel 1999 chiude il bilancio 2002 con 10milioni di fatturato e 3milioni di capi venduti. Nel 2006 il fatturato è di 100milioni di euro. Tutto da una margherita. Per le cronache Matteo Cambi è in galera per bancarotta fraudolenta. 100milioni di buco, cocaina a parte.


Oggi assistiamo al successo di un altro ragazzo, Gabriele Coletti, che dal sedile di un treno in ritardo ha immaginato un format semplice che, prima in un blog e in pochi giorni su Facebook ha collezionato piu di centomila fan, 500 commenti ad ogni suo post. Un successo inaspettato anche per lui.Articoli sul Corriere e servizi su Sky, i social network da grancassa , effetto virale.

C’è un TI ODIO per tutto. Uno sfogo per rabbie represse, fastidi quotidiani, abitudini maldigerite.
Da Trenitalia TI ODIO in poi, ognuno ha il suo aguzzino da odiare, dai carciofi alle segreterie delle università.
E non poteva certo mancare “Tu che hai avuto questa idea e io no. TI ODIO.
Il nostro dalle pagine del corriere ci fa sapere che organizzerà un evento, per urlare tutti la nostra rabbia. Gabriele mi deludi, Grillo l’ha fatto prima di te coi Vaffa day….
Condivido però quello che ha detto l’attore Lino Toffolo al CdS “Io invece non odio niente e nessuno è uno spreco di tempo che logora solo chi lo pratica. Come l’invidia, tipica di chi non è mai felice perchè vuole sempre qualcosa di più».
Parole sagge, ma si può restare immuni dal richiamo di un sentimento così forte?
Odi et amo. Quare id faciam fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

No, non si può resistere : “ Tu sai chi. TI ODIO”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...