Tradizioni

Oggi spesa. Col carrellino come le vecchiette, ma mi sono concessa una
passeggiata, fra casa e supermercato ci sono circa 700/800 metri una bella salitina, ma, che volete che sia, ipod e via. un piede dietro l’altro. Posta, farmacia, spesa.

Di ritorno con le mie due belle sporte, m’è venuta l’illuminazione. Un’odore meraviglioso guidava i miei passi verso casa, un odore che col tempo freddino e umido di oggi ci stava a meraviglia. Un odore di cucina sana, di pentole lasciate a bollire sul fuoco nelle cucine di una volta, quelle da cui uscivano quelle belle minestre di cavolo e riso. Quelle che se ti vede la nonna che ci inzuppi il pane ti mena….quelle lì. Mi sono guardata intorno e l’ho visto. Il chioschetto, spostato da poco da un’altra area dove adesso sorge un cantiere della TAV. Erano le 13. Ora giusta. Decisione presa su due piedi.

Il lampredotto. Eh si. Chi non è fiorentino non può capire . Il lampredotto è uno stomaco del vitello. Si fa bollito con le verdure solite, poi si taglia a pezzettini piccolini, salsina verde o solo pepe e sale . Panino inzuppato nel brodo e via.

2,70 euro di goduria. Nascono i chioschetti sempre piu numerosi e mi fa piacere, perchè non si puo vivere di solo McDonalds. Viva le tradizioni.

Le polpette

Oggi ho fatto le polpette. Quelle di avanzi di una volta, quelle che non fa piu nessuno. Quelle che si prende il lesso di seconda scelta usato per fare il brodo e magari il pollo stracotto e li si trita e si aggiungono alle patate lessate e passate, con l’uovo, la noce moscata, il sale, il formaggio grattugiato e poi si fanno le polpette a forma di uovo schiacciato e le si passa nel pane grattugiato friggendole nell’olio bollente.

Ho fatto le polpette, e avendo un marito vegetariano con 1,50 euro di lesso usato per fare il brodo mangerò polpette per tre giorni, ho pensato allo sfruttamento degli ingredienti, il brodo in cui sono bolliti per ore.

Mentre rimestavo m’è venuto in mente D’Alema, lo so , non è normale, ma m’è venuto in mente, m’è venuta in mente l’amalgama sapiente degli ingredienti di cui lamenta l’assenza all’interno del PD.  Qualcuno ha messo insieme nella stessa pentola carni diverse, con la finalità di fare almeno un buon brodo. Le carni si sono decotte, il brodo non l’ha bevuto nessuno e alla fine ci siamo triturati.

Adesso siamo polpette. Di avanzi.