..che ce posso fa’ se oggi m’è presa così?

La giornata è andata migliorando , quindi mi regalo Cole Porter

..in spite of a warnin’ voice that comes in the night and repeats ,repeats in my ear: don’t you know little fool you never can win? Use your mentality, wake up to reality. But each time that I do just the thought of u, makes me stop before I begin, ‘cause I’ve got u under my skin

Il gran giorno

Finalmente è giunto il mio momento, ho atteso settimane perché ero piccolo ed oggi è il gran giorno.
Tutto è iniziato a metà pomeriggio, avevo già sentito qualche segnale, rumori di fondo , chiacchiericci, voci di corridoio. Mi sono detto, …forse ci siamo, penso e come me lo pensano i miei compagni …ci siamo, ci siamo è tutto un rincorrersi di certezze, è l’ora…un brivido mi ha accapponato tutto e d’un tratto si è fatta luce, una luce improvvisa e inusuale data l’ora.
E’ il giorno, lo so , lo sento. Qua siamo in tanti e tutti condividiamo la stessa trepida attesa.
So che sarà bellissimo e solo sentire l’atmosfera che gira nei corridoi, sedie che vengono spostate, comodi cuscini che vengono sistemati, un calore dell’ambiente di fronte al brivido di freddo che abbiamo sentito per un attimo. Ma niente ci è apparso piu bello del suono che si è levato intorno a noi, una voce bellissima riempie l’aria “I’ve got you under my skin…i’ve got you deep in the….” Dev’essere il grande Frank Sinatra. Che bella scelta.
Tento di alzarmi per vedere se capisco a che punto siamo della preparazione.
Molti prima di noi hanno avuto questo privilegio, intraprendere questo viaggio che deve essere bellissimo. In verità non sappiamo molto di quello che accadrà da domani, molte sono le storie che aleggiano su questa tradizione ma io in genere preferisco non credere alle storie, qualcuna è melodrammatica, ed io sono fermamente convinto che l’ottimismo deve guidare la nostra vita.
Che poca cosa saremmo se stessimo a dare ascolto a quegli avvoltoi che tentano di sminuire il valore dell’evento che sta per accadere.
Ecco, Ecco forse ci siamo, ci sediamo comodi comodi, qualcuno di noi può scegliere anche la posizione supina, sopra di noi la luce è improvvisamente forte, un sole che ci illumina coi suoi raggi.
Un odore improvviso riempie l’aria, è di sandalo e oli orientali. Buonissimo. L’aria è impregnata . ma non da fastidio, sembra quasi di stare in un bagno orientale, inizio a rilassarmi, voglio veramente godermi questo momento appieno.
Oddio…oddio cos’è? Improvvisamente su di me è colato una specie di miele denso e vischioso, uhmmmmm che caldino rassicurante, mi avvolge una sensazione di grande calore, il profumo di sandalo si fa piu intenso, un abbraccio mi accoglie ed io vedo l’ambiente intorno a me come attraverso un vetro giallo-arancione, un vago ricordo di tramonti sul Bosforo, mi sento rilassato, tranquillo, quasi tramortito. Mi piace. Vorrei non finisse mai.
Mi devo essere assopito per un attimo, non vedo piu niente, cos’è? Cos’è questo velo che improvvisamente è calato su di noi? Guardo i miei amici vicini e percepisco lo stesso sgomento, non vedo più niente. Un senso di oppressione mi colpisce, vengo spinto indietro e la prima inquietudine si fa strada fra di noi, cos’è questa pressione che ci spinge e poi si allontana, ci spinge e poi si allontana. Torna il freddo tutto intorno a noi. I primi dubbi si insinuano. Forse , forse dovevamo dare ascolto ai quei vecchi che parlavano dell’evento come della fine di tutto e ci vengono a mente i racconti che rimandavano alle gesta di chi si è opposto, di chi non è piu tornato a testimoniare di persona la sua esperienza.
Non voglio crederci , no , non è la fine. Io non voglio che finisca mentre intorno a me tutto si fa freddo e opprimente, non riesco a muovermi per quanto ci provi. Sento ancora Frank che canta, no, ti prego, no. Mi aggrappo con tutte le mie forze.Voglio restare ancora qui, dove sono nato e cresciuto, dove sono stato accudito e dove sono diventato forte. Cerco di oppormi.. ma…tutto è vano.
E’ attimo e vengo strappato con forza alla mia casa, ai miei affetti, alla mia vita. Ho ancora una breve soddisfazione, qualcuno urla di dolore e non sono io”

Ahia! Cavolo però ‘ sti peli, son tenaci eh”
——–
Veet oriental, con olio essenziali e sandalo. Ceretta a caldo. Esselunga in offerta gr 250 Eu 5,80